#HOCHtalentiert
Tra palcoscenico e aule scolastiche

Il grigionese Ivo Orlik, conosciuto anche come rapper Giganto, ha pubblicato quattro album musicali, si è esibito in oltre 100 concerti e ha raggiunto il quinto posto nelle classifiche svizzere. Con oltre 1 milione di stream su Spotify e YouTube, i suoi testi sono tra le canzoni in lingua romancia di maggior successo. Attualmente sta studiando per diventare insegnante presso l'ASP Grigioni. Lilian Ladner lo ha incontrato per un'intervista.

Durante la conversazione, mi rendo subito conto che davanti a me siede un giovane molto ambizioso e impegnato. Ivo mi racconta del suo apprendistato nel settore del commercio, concluso nel 2012. In seguito, lo studente del secondo anno ha completato il servizio militare, ha viaggiato per mezzo anno in giro per il mondo, ha recuperato la maturità professionale e poi si è goduto la seconda parte del suo grande viaggio.

Nel 2015, Ivo Orlik ha accettato un lavoro come conduttore radiofonico presso RTR. Per cinque anni ha intrattenuto la gente ogni giorno, creando contributi interessanti, conducendo interviste, presentando la hit parade e leggendo innumerevoli notizie. Ivo ricorda questo periodo con le parole: «È stato un periodo fantastico!». Quando gli viene chiesto se a volte gli manca questa attività, risponde maliziosamente: «Per fortuna di tanto in tanto ho ancora questi impegni e continuo a creare servizi radiofonici su argomenti etici o a produrre altri formati video per RTR.»

Dopo la sua attività di presentatore, il futuro insegnante ha lavorato per due anni presso l'agenzia Rob Nicolas come direttore creativo/capo progetto. È ancora impiegato presso l'agenzia e attualmente lavora a progetti minori per finanziare i suoi studi.

Ivo Orlik è attivo come musicista dal 2012. Lo studente diventa molto serio per un momento e dice: «Ho sempre portato avanti questa attività accanto al lavoro sopra citato. Ci sono state fasi in cui ho lavorato al 150% e oltre. In questo periodo ho avuto diversi episodi di perdita dell'udito e questo mi ha fatto riflettere. Oggi presto più attenzione alla mia salute e a un buon equilibrio. Ho dovuto davvero impararlo». Dopo una breve pausa, Ivo aggiunge pensieroso, ma anche un po' orgoglioso: «Certo, ci sono ancora oggi fasi di stress, come durante le settimane di esami, ma nel frattempo ho imparato a ridurre un po' le altre attività in questi momenti intensi».

Con il nome d'arte «Giganto», il musicista quasi trentenne ha un grande successo: «Nel frattempo, ho pubblicato quattro album, ho raggiunto il quinto posto nella classifica degli album, ho suonato in più di 100 concerti e sono riuscito a costruire una base di fan fedeli e affezionati. Lungo la strada, ho potuto incontrare persone meravigliose e collezionare ricordi incredibilmente belli».

Per Ivo, questi numerosi punti fissi della sua vita non sono una sfida. È abituato a essere in viaggio in modi diversi e ha sempre fatto musica parallelamente a tutti i suoi lavori. Se si chiede a Ivo quale sia la sua ricetta segreta, risponde ammiccando: «Lavoro molto bene sotto pressione. In questi momenti riesco a concentrarmi al massimo e a dare il massimo. Sono anche una persona molto positiva. Vedo il buono in ogni cosa negativa e ricordo solo le esperienze positive. Ho anche imparato a fidarmi delle persone giuste, a saper delegare e a non avere la pretesa di essere in grado di fare tutto, basta conoscere le persone giuste».

Ivo mi sembra molto concreto e quindi ho voluto sapere da lui se lo studente a tempo pieno non ha mai voluto puntare tutto solo sulla musica. In risposta, mi ha rivelato che per lui non è un'opzione vivere «solo» di musica, perché secondo lui tutta la creatività si perde e la musica perde quel certo non so che.

Mi interessa anche sapere come Ivo abbia trovato la sua strada verso la musica, e lui mi racconta qualcosa di sorprendente: «È successo completamente per caso. Mia sorella scrisse una sua poesia d'amore e la lasciò inconsapevolmente sul tavolo. A tredici anni ho preso questa poesia e l'ho riscritta come un rap. Questi sono stati i miei inizi. Nessuno in famiglia ha legami con la musica, ma è così che è entrata nella mia vita a poco a poco; in realtà sono un testone».

Si può avere tanto successo e impegnarsi a fondo solo se si ha un buon ambiente e persone forti che ci sostengono. Ivo mi guarda con gli occhi lucidi a questa affermazione e aggiunge: «La mia famiglia e la mia ragazza sono tutto per me. Mi hanno sostenuto per tutta la vita e sono loro molto grato per questo».

Come si comportano i compagni di corso con il musicista e collega di successo? Ivo sorride: «Mi trovo molto bene qui all'ASP Grigioni. Tutti mi sostengono e, a dire il vero, sono ancora un po' il clown della classe; il mio senso dell'umorismo fa parte di me. Mi sento corresponsabile delle compagne e dei compagni e mi assicuro anche, a modo mio, che stiano bene. Per me è importante difendere i diritti e cerco di fare da esempio, perché è quello che poi farò come insegnante».

Quando gli chiedo come il suo ruolo speciale influisca sul suo lavoro in classe, Ivo diventa di nuovo un po' pensieroso. Mi dice che all'inizio non è stato facile per lui, ma le bambine e i bambini sapevano distinguere benissimo tra Giganto e Ivo Orlik, quindi una volta che si sono conosciuti non è stato più un problema. Naturalmente continua a parlarne e per lui è importante che loro distinguano tra insegnante e musicista. In quanto ex dirigente scolastica, ho voluto naturalmente sapere se e come avrebbe messo il suo know-how a disposizione di un futuro o attuale team scolastico durante il tirocinio. Il futuro insegnante ha risposto senza esitazione: «Mi piacerebbe sicuramente organizzare una settimana musicale o un progetto nel campo della musica. Il mio sogno sarebbe comporre e arrangiare una canzone dalla A alla Z con i ragazzi». Naturalmente era esattamente quello che volevo sentire e allo stesso tempo mi ha fatto molto piacere, perché con Ivo si percepisce un'energia incontenibile che ti trasporta letteralmente.

Per l'aspirante insegnante, ci sono alcuni parallelismi tra insegnare e fare musica. «Quando mi trovo davanti alla classe è come quando mi esibisco sul palco. In entrambi i ruoli trasmetto qualcosa e provo gioia quando riesco a innescare qualcosa di positivo nell'altra persona con il mio contributo. Ma ci sono anche delle differenze: sul palco il musicista è al centro dell'attenzione, in classe è diverso. Al centro ci sono le allieve e gli allievi. Come insegnante metto in scena le opportunità di apprendimento in modo che i loro possano imparare e crescere»..

Alla fine della nostra conversazione, voglio sapere se Ivo ha ancora un obiettivo specifico. Con modestia mi risponde: «Ho raggiunto molti obiettivi importanti per me. Ora viene il futuro e la famiglia ha la priorità assoluta. Sono entusiasta di ciò che verrà e sono completamente aperto. Anche se qualcosa di piccolo c'è: vorrei fare un semestre all'estero e migliorare il mio inglese. Questo significherebbe molto per me».

Ivo Orlik è una giovane personalità che affascina e la cui incontenibile energia ispira giovani e meno giovani allo stesso tempo. Sono convinta che sentiremo e leggeremo ancora molto di Giganto e di Ivo Orlik e auguro all'artista e aspirante insegnante tanto successo.

#HOCHinteressant, #HOCHmusikalisch, #HOCHalpin

#HOCHschulstandort Coira, la città a misura d'uomo

#HOCHtalentiert Tra palcoscenico e aule scolastiche

#HOCHalpin «L'obiettivo rimane sempre l'obiettivo»

#HOCHschulverantwortung IMPEGNO A FAVORE DELLA SOSTENIBILITÀ - PER OGGI E PER DOMANI

#HOCHmusikalisch Pochi sono altamente musicali, ma tutti sono musicali.

#HOCHaktuell «Abbiamo bisogno di insegnanti motivati ed entusiasti che trasmettano che l'informatica significa lavoro creativo.»

#HOCHkarätig: serata a tema sulla mostra Ospiti del mondo della politica, dell'economia e dell'istruzione discutono della «scuola del futuro».

#HOCHgeflogen Dall'aereo all'aula scolastica

#KarriereHOCH: Un percorso professionale esemplare: Gianmarco Corsetto (37), direttore di scuola a Churwalden

Contact

Ihr Browser (IE 11) ist leider zu alt und wird nicht mehr unterstützt.